CRÈME BRÛLÈE ALL’ARANCIA

CRÈME BRÛLÈE ALL’ARANCIA

In genere rimango rigorosamente all’interno della tradizione italiana, ma ormai questo dessert è entrato prepotentemente anche nelle nostre cucine. Inoltre ho aggiunto un tocco personale, poichè avevo in casa delle meravigliose arance biologiche al culmine del loro profumo di Sicilia.
E’ un dessert molto semplice, che può essere preparato con un giorno di anticipo, e che non richiede abilità speciali.
Se si vuole aderire alla tradiione, basta evitare di usare il liquore e la buccia d’arancia grattugiata, sostituendoli con la vaniglia.
La parte migliore del dolce è il caramellare lo zucchero, con l’apposito cannello a fiamma, di fronte ai propri ospiti, è divertente e si fa un figurone.

orange creme brule creme brule all'arancia
shadow
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 50 minuti
Tempo totale: 60 minuti
Dosi per: 6 persone

Ingredienti

  • 500 ml. panna fresca
  • 200 ml. latte
  • 6 tuorli
  • 1 arancia non trattata
  • 100 g. zucchero a velo 3 cucchiai di Cointreau 2 cucchiai di zucchero semolato

Procedimento

Riscaldare il forno a 180C° e mettere 6 rammequins resistenti al fuoco in una teglia.
In una ciotola versare i tuorli e lo zucchero e mescolare con una frusta a mano. Grattugiarvi sopra la scorza dell’arancia. Aggiungere tutti gli altri ingredienti, tranne lo zucchero semolato, e mescolare con la frusta.
Versare l’impasto nei rammequins, versare acqua calda nella teglia fino a coprire gli stampi per 2/3.
Cuocere in forno per circa 50 minuti fino a quando la crema è densa – dovrebbe solo tremolare leggermente quando viene scossa.
Far raffreddare e metterle in frigo quando sono a temperatura ambiente.
Prima di servirle, cospargere con poco zucchero, scuotendo via ‘eccesso, la superficie delle creme, e usare il cannello o il grill del forno per caramellarle. Se si usa il grill, è necessario rimetterle in frigo per mezz’ora per farle raffreddare nuovamente.

Note

Attrezzi necessari: 6 rammequins
In qualche ricetta è possibile trovare il consiglio di usare un cucchiaio incandescente: lo sconsiglio caldamente, è un ottimo modo per rovinare un’ottima posata.

shadow

About the Author

Crescendo in Emilia-Romagna, una regione rinomata per il Parmigiano, il prosciutto di Parma, le lasagne e la pasta ripiena, una parte predominante della mia infanzia l’ho trascorsa in cucina con mia nonna e mia mamma.
Fin dai miei primi anni di vita, ho avuto la consapevolezza che per loro cucinare esprimeva tutto il loro amore per la famiglia. Ricordo ancora con nostalgia quel tepore familiare, e ciò che mi manca di più è il mio pattugliamento attorno ai fornelli, attendendo l’occasione di rubare un boccone.