Del cibo e altre storie

Il cibo non rappresenta solo uno dei bisogni più essenziali per tutti gli esseri viventi, ma per noi, riveste anche profonde implicazioni psicologiche (basti pensare ai disturbi alimentari che affliggono le nostre generazioni). Il suo significato simbolico è legato non solo alla disponibilità di prodotti freschi, ma soprattutto allo “status”, sociale e culturale, del consumatore.
Il cibo fa parte della nostra storia sia individuale che Intesa come percorso dell’umanità, degli esploratori e degli stanziali. Ad esempio, la melanzana, le mandorle e lo sherbet, antenato del gelato, ci giungono dalla Persia, attraverso la Via della Seta. Peperoni, patate, zucche, cioccolato e pomodori, ora al centro della nostra tradizione gastronomica, provengono dal continente americano.
Ma persino il paesaggio italiano deve i suoi ulivi agli antichi marinai greci che, mentre esploravano le coste del nostro Meridione, lasciarono i semi degli ulivi nelle loro feci quando si fermavano sulla costa.
Lo stoccafisso e baccalà norvegesi hanno permesso ai cattolici che abitavano lontani dalla costa di
rispettare l’obbligo di mangiare il pesce di venerdì.
E’ una storia di incontri e scontri. Secoli di traffici mercantili e guerre con il Medio Oriente ci hanno lasciato in eredità l’uso dell’agrodolce con uvetta e frutta secca, e l’aceto come conservante naturale nei piatti delle Repubbliche Marinare.

La Comunità Ebraica Romana, la più antica d’Europa, ci mostra attraverso la sua cucina meravigliosamente raffinata, la creatività delle sue donne che dovevano mettere a tavola le loro famiglie malgrado le difficoltà e proibizioni causate dall’ostilità dei vari papi.
La storia del cibo è profondamente legata a ciò che siamo in quanto esseri umani e come rappresentanti di una civiltà. Per me il Natale è legato al profumo della besciamella e del ragù ala bolognese che sobbolle nella pentola di coccio di mia madre, e al chiacchiericcio delle donne di famiglia mentre facevamo tonnellate di tortellini in una catena di montaggio perfettamente efficiente. Non posso nemmeno prendere in considerazione queste festività di famiglia senza i piatti che caratterizzano la mia regione d’origine.
Anche le tecniche di conservazione del cibo – l’uso di sale, aceto, liquore o zucchero – sono fondamentali per comprendere il clima, i prodotti, e le caratteristiche di una zona. Ora invece le moderne tecnologie industriali ci permettono di avere a disposizione prodotti che erano impossibili per i nostri antenati, regalandoci nuove possibilità creative.

Il ripieno di questi gnocchi è molto simile a quello delle olive all’ascolana, un sapiente mix di carni cotte nel soffritto, e alleggerite da un tocco di scorza di limone grattugiata. L’unica difficoltà è creata dal trovare un modo di riempire gli gnocchi, ritengo che l’uso di una … Read More

shadow

Dopo i tartufi al cioccolato, con il Brasato al Barolo ci dilettiamo con un’altra ricetta dal Piemonte. E’ una delizia, un vero comfort food nelle fredde giornate d’inverno. Il brasato è di solito accompagnato da una polenta fumante, irrorata da quella magnifica salsa. Il Barolo è un nobile vino … Read More

shadow

Questi tartufi al cioccolato sono un presente perfetto per le feste di Natale: sono un regalo molto carino e personale per qualcuno che si ama, e che mostrano quanto amore e apprezzamento si prova per il destinatario. Sembrano complicati da fare, in realtà l’unica cosa che porta via tempo … Read More

shadow

Questo modo di rifare il soufflè di castagne mi è stato suggerito da una vecchia ricetta dell’Artusi. Avevo voglia di trovare un modo un po’ sfizioso di fare le castagne, e questo utilizzo delle castagne fresche mi è piaciuto molto. Nelle ricette contemporanee, anche di soufflè, si usano in … Read More

shadow

Questo semplice piatto dimostra la profonda connessione dell’Italia al mondo arabo e medio-orientale. In tutta Italia, soprattutto lungo le sue coste, in molti piatti salati sono stati introdotti frutta secca e uvetta In tutta Italia, soprattutto lungo le sue coste, in molti piatti s; ad esempio nella cucina ligure o … Read More

shadow

Le pere al vino rosso sono un dessert goloso, che uniscono la gioia di consumare la frutta in un modo un po’ insolito, ci offrono la possibilità di offrire un dessert più leggero del solito, privo di prodotti animali e che accontenta anche i palati più esigenti o i nostri ospiti … Read More

shadow

 

Lo sformato ci mette in grado, consemplicità ed eleganza, di creare un piatto un po’ più insolito e saporito. La tradizione italiana è una ricca collezione di questo tipo di piatti, fatti con verdure e formaggi, riso o pasta e relativi condimenti.

Questi sformatini di spinaci sono un ottimo escamotage per … Read More

shadow

Potage e mare in genere sono due parole antitetiche. In genere è un piatto di “terra”, con patate, porri e panna. Ho creato questo piatto in un momento nel quale cercavo di esaltare le verdure autunnali, e volevo proporre qualcosa di salutare ma allo stesso tempo stimulante. La cucina francese mi ha sempre … Read More

shadow

Ci sono poche cose che richiamano l’autunno come i necci toscani. La farina di castagne con la quale queste crepes vengono preparate ci permette di assaporare il sapore delle castagne anche dopo il termine della stagione del raccolto.

Per secoli le castagne sono state raccolte, e lo sono tutt’ora, nelle montagne della dorsale appennica. Le castagne hanno fornito ai nostri avi calorie durante i mesi più duri e … Read More

shadow

La zucca, in questo caso la zucca violina, è una delle tante gioie che ci permettono di affrontare la stagione: la pioggia e le temperature più rigide sono compensate da un comfort food incredibilmente ricco e versatile. Come le patate, è un altro dono dalle Americhe.

Accompagnato da una cremosa salsa al … Read More

shadow

 

Il pollo alla cacciatora è uno di quei piatti semplici che ci confortano in una fredda giornata invernale, soprattutto se accompagnati da un bel purè di patate.

E’ un piatto meraviglioso, semplice ma ricco, che risulta in una salsa fantastica nella quale immergere tonnellate di pane. La scarpetta non è un rituale da compiersi in … Read More

shadow

Il Gurguglione è un tipico stufato di verdure estive un tempo consumato dai minatori dell’Isola d’Elba.
Ne sentii parlare quando visitai la Galleria del Ginevro, una miniera di magnetite nei pressi di Capoliveri, ora chiusa a causa della competizione dei paesi in via di sviluppo è chiusa.
Questo stufato è un tipico piatto consumato … Read More

shadow

Queste polpette di melanzane sono perfette da servire come finger food al tuo prossimo party estivo, o come portata principale di qualsiasi pasto. Le melanzane in questa stagione ci regalano il meglio del loro sapore, in tutta la sua dolcezza e fragranza.
Questa è una versione semplificata e più leggera di … Read More

shadow

Questa fresca insalata è un modo gustosissimo di deliziarsi con il polpo; è ideale soprattutto da offrire in una calda giornata d’estate, dal ritorno dalla spiaggia.

l’Italia ci offre una varietà incredibile di pesce e frutti di mare, e una ricchezza altrettanto notevole di ricette per cucinarli. I piatti di polpo … Read More

shadow

All’avvicinarsi dell’estate, due cose non possono mancare sulla tavola degli italiani: spaghetti alle vongole fresche e una bottiglia di vino bianco fresco per accompagnarli. 

In genere preferisco farmi la pasta fatta in casa; tuttavia, fermarsi ogni tanto, aprire un sacchetto di ottimi spaghetti di grano duro, e cucinare questa pasta semplice ma deliziosa è per me segno che l’estate è arrivata … Read More

shadow

La freschezza della rucola è molto invitante nella calura dell’estate italiana. Questa ricetta è ovviamente una variante del famoso pesto par excellence. La rucola è una grande fonte di flavonoidi che si ritiene abbiano proprietà anti-ossidanti. E’ anche un’eccellente fonte di vitamine K, B, e un’ottima fonte di ferro, magnesio … Read More

shadow

La ricetta dei gnocchi di patate è relativamente recente nella tradizione italiana, rispetto alle altre presenti da secoli nella storia gastronomica italiana.

Gli gnocchi sono diffusi in tutte le regioni d’Italia, e con tutti gli ingredienti possibili, a seconda della loro provenienza regionale: farina, semola, pane, farina di castagne, ricotta o … Read More

shadow

Tonno e coniglio? Cosa hanno a che fare l’uno con l’altro? La leggenda narra di un ingegnoso escamotage dei frati di un convento di Avigliana, nel Torinese. Si dice che nell’Ottocento, in un momento nel quale le regole del digiuno erano particolarmente severe, i frati, per aggirarle, immergessero conigli (e … Read More

shadow

 

MELANZANE RIPIENE DI CARMELA

Questa ricetta mi è stata generosamente regalata da Carmela, una dolcissima vecchietta pugliese.

In Calabria la melanzana viene prima bollita e poi svuotata della polpa.

Ovviamente vi sono infinite variazioni: ripiene di stoccafisso, con o senza pomodoro, con la carne…e naturalmente ogni famiglia ritiene che la sua ricetta sia … Read More

shadow

BAVARESE ALLE FRAGOLE

Un dessert fresco che esalta al massimo la bontà della frutta di stagione-

500 gr. fragole lavate e private del picciolo250 gr. zucchero1 limone biologico25 gr. (5 fogli) di colla di pesce500 ml panna da montare(a piacere) fragoline di boscoStrumenti: Frullatore, fruste elettriche, stampo da budino con foro centrale … Read More

shadow

Gli Gnudi sono un tipico piatto toscano semplice e saporito, in parole povere il ripieno dei ravioli viene servito senza la sfoglia. Il nome deriva dal toscano “nudo”. Il piatto proviene dalla Maremma toscana, area celebre per la tradizione pastorale e l’eccellenza della sua ricotta.

La primavera reca con sé una … Read More

shadow

Questo tipico fritto dolce di carnevale, con nomi diversi, attraversa tutta la penisola con la sua semplicità e bontà. Ovviamente in ogni regione vi sono varianti sia nei nomi (nella mia natia Emilia-Romagna vengono chiamate “frappe”, “cenci” in Toscana) che negli ingredienti.

Nella maggior parte delle ricette vi è grande libertà … Read More

shadow

Romagnola verace, mi sono trasferita a Firenze da Ravenna quando finalmente ho trovato qualcuno che ha fatto di me una donna rispettabile!

Per chi non conosce l’Emilia-Romagna, una regione orientale del settentrione d’Italia, noi siamo quelli sul mare, quelli che immediatamente offrono ai loro ospiti un bel bicchiere di vino (non … Read More

shadow