IL POTAGE DI MARE, CREAZIONE LACTOSE-FREE

IL POTAGE DI MARE, CREAZIONE LACTOSE-FREE

Potage e mare in genere sono due parole antitetiche. In genere è un piatto di “terra”, con patate, porri e panna. Ho creato questo piatto in un momento nel quale cercavo di esaltare le verdure autunnali, e volevo proporre qualcosa di salutare ma allo stesso tempo stimulante. La cucina francese mi ha sempre intrigato, ma la ricetta del potage normale mi sembrava veramente troppo calorica con tutta quella panna. o deciso quindi di tenere, rispetto alla ricetta originale, le patate e i porri, aggiungere la zucca e un buon fumetto di pesce, gamberi, e devo dire che il risultato è stato molto apprezzato.

Questo incontro di ingredienti freschi, poveri di calori e ricchi di fibre e minerali, è un modo eccellente di gustare un piatto poco comune, leggero ma saporitissimo.

Vi sono altri piatti, soprattutto primi, che esaltano la zucca, quali gli gnocchi di zucca, i cappellacci ferraresi, i tortelli mantovani. Questo vegetale è meraviglioso e versatile, ricco di fibre, di minerali ed aumenta la sensazione di sazietà, coaudiovando le diete. Mentre nei primi tradizionali la zucca viene lavorata e strizzata, qui la manodopera é minima, e l’aggiunta dei gamberetti e del peperoncino bilancia la nota dolce della zucca e dei porri.

 

POTAGE DI MARE

  • 500 g. patate
  • 750 g. zucca gialla pulita ((da pulire è ca. 1,2 kg.))
  • 2 porri
  • 18 gamberi
  • 120 ml. vino bianco secco
  • 1 carota piccola
  • 1 cipolla piccola
  • ½ costa di sedano
  • 4 grani di pepe nero
  • sale q.b.
  • 500 ml. acqua
  • 1 spicchio d'aglio
  • 4 cucchiai d'olio d'oliva
  • 1 pizzico di peperoncino
  1. Preparare il fumetto con le teste e i gusci dei gamberi, carota, sedano e cipolla tritati grossolamente, acqua e vino bianco. Far sobbollire per circa mezz’ora.

  2. In una pentola far soffriggere i porri con 2 cucchiai d’olio d’oliva, quando sono dorati aggiungere patate e zucca pulite e tagliate grossolanamente, il brodo e far cuocere per circa un ora. Se si ha una pentola pressione 25 minuti sono sufficienti.

  3. Al termine della cottura della zuppa, immergere un frullatore a immersione e farne una vellutata setosa.

  4. In una padella antiaderente versare 2 cucchiai d’olio e fare saltare i gamberi. Quando sono rosati, sfumare con 2 cucchiai di vino bianco, e aggiungere il peperoncino e il sale se necessario.

  5. Versare la vellutata nei piatti e aggiungere 3 gamberi a testa.

Print Friendly, PDF & Email

About the Author

Crescendo in Emilia-Romagna, una regione rinomata per il Parmigiano, il prosciutto di Parma, le lasagne e la pasta ripiena, una parte predominante della mia infanzia l’ho trascorsa in cucina con mia nonna e mia mamma.
Fin dai miei primi anni di vita, ho avuto la consapevolezza che per loro cucinare esprimeva tutto il loro amore per la famiglia. Ricordo ancora con nostalgia quel tepore familiare, e ciò che mi manca di più è il mio pattugliamento attorno ai fornelli, attendendo l’occasione di rubare un boccone.