SALSA ALLE NOCI, UNA FRESCA DELIZIA LIGURE

SALSA ALLE NOCI, UNA FRESCA DELIZIA LIGURE

Questa salsa alle noci viene servita, tradizionalmente, con i pansoti, una pasta ripiena ligure. È comunque eccellente se usata per condire gnocchi di patata e altre varietà di pasta.
In queste estati torride abbiamo bisogno di preparare una salsa fresca e velocissima che non abbisogna di cottura.
La salsa di noci, un delizioso piatto vegetariano, non può essere conservata, in frigo, più di 4-5 giorni. Si raccomanda di tenerla in un contenitore di vetro e coprirla con un filo d’olio.

walnut pesto - cooking with carlotta
walnut pesto - ingredients - cooking with carlotta
Tempo di preparazione: 5 minuti
Tempo di cottura: 0 minuti
Tempo totale: 5 minuti
Dosi: per 4 persone.

Ingredienti

  • 20 noci
  • 100 g. di panna o cagliata
  • 30 g. Parmigiano grattugiato
  • ½ bicchiere di latte
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 30 g. mollica di pane
  • 1 cucchiaio di maggiorana tritata
  • ½ spicchio d’aglio
  • Sale q.b.

Procedimento

In una ciotola, immergere il pane nel latte e lasciarvelo per 5 minuti. Poi strizzare il pane accuratamente.
Nella ciotola di un mixer elettrico mettere le noci, l’aglio, il pane e la maggiorata. Iniziare a tritare e poi fermarsi ed aggiungere un po’ dolio e un po’ di panna, con il sale. A piccole tappe successive, mettere tutti gli ingredienti, intervallando una tritata. Trita per un minuto, e la salsa è pronta.
Se avete un mortaio, il metodo ideale è di mescolare tutti gli ingredienti insieme dall’inizio.
Spesso, la maggiorana si ossida a causa del calore della lama del mixer: un’ottima soluzione può consistere nell’aggiungere qualche cubetto di ghiaccio nel mixer o di tenerne la ciotola e lama nel freezer per un’ora.

shadow

About the Author

Crescendo in Emilia-Romagna, una regione rinomata per il Parmigiano, il prosciutto di Parma, le lasagne e la pasta ripiena, una parte predominante della mia infanzia l’ho trascorsa in cucina con mia nonna e mia mamma.
Fin dai miei primi anni di vita, ho avuto la consapevolezza che per loro cucinare esprimeva tutto il loro amore per la famiglia. Ricordo ancora con nostalgia quel tepore familiare, e ciò che mi manca di più è il mio pattugliamento attorno ai fornelli, attendendo l’occasione di rubare un boccone.