TAGLIATELLE AL ROSMARINO CON SALSICCIA E CAVOLO VERZA

TAGLIATELLE AL ROSMARINO CON SALSICCIA E CAVOLO VERZA

Queste tagliatelle sono ideali in inverno, questo è un piatto ideale per valorizzare gli ingredienti stagionali. Il cavolo verza, che regge bene le temperature più rigide, con il suo verde brillante conferisce un tocco di colore ai nostri piatti, e bilancia il rosa della salsiccia. L’aggiunta del rosmarino è inconsueto, è la mia impronta personale in un piatto già molto gratificante.
Questo è il mio sotterfugio per far gustare le verdure ai miei commensali che non le amano molto.
È un piatto completo, con carboidrati, verdure e proteine, e può rientrare nella tradizione dei piatti completi.

Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Tempo totale: 50 minuti
Dosi: per 4 persone

Ingredienti

  • Per la pasta
  • 3 uova
  • 200 g. Farina 00
  • 100 g. Farina di semola di grano duro
  • 1 rametto di rosmarino
  • Per il sugo
  • 3 salsicce (350 g.)
  • 1 cavolo verza piccolo
  • 1 cipolla piccola
  • 3 cucchiai di olio EVO
  • Sale q.b.

Preparazione

Su una spianatoia di legno, formare una fontana con le farine e romperci le uova al centro. Unire gli aghi di rosmarino tritati finemente. Impastare e stendere con il matterello una sfoglia di circa 2 mm. Mentre la sfoglia si asciuga, preparare la salsa.
Preparare una pentola capiente d’acqua salata e metterla sul fuoco. Staccare dalla verza metà delle foglie e lavarle.
Tritare la cipolla e soffriggerla con l’olio in una padella a bordi alti.
Pelare le salsicce e dividerle in piccoli tocchetti da unire alla cipolla soffritta. Soffriggere il tutto.
Lessare per un paio di minuti le foglie di verza e metterle in una ciotola con acqua fredda e ghiaccio per fermare la cottura e mantenere le foglie verdi. Tagliare via la costola centrale e tagliare a striscioline le foglie. Unirle alla salsiccia.
Cospargere la sfoglia di farina di semola e arrotolarla. Tagliarla in strisce parallele. Se non si asciuga si può tagliare con l’apposito attrezzo.
Lessare la pasta nell’acqua dove si sono lessate le foglie di verza e rovesciarla nella padella con il sugo. Aggiungere 2 cucchiai dell’acqua di cottura e un giro d’olio a fine cottura.

shadow
Print Friendly, PDF & Email

About the Author

Crescendo in Emilia-Romagna, una regione rinomata per il Parmigiano, il prosciutto di Parma, le lasagne e la pasta ripiena, una parte predominante della mia infanzia l’ho trascorsa in cucina con mia nonna e mia mamma.
Fin dai miei primi anni di vita, ho avuto la consapevolezza che per loro cucinare esprimeva tutto il loro amore per la famiglia. Ricordo ancora con nostalgia quel tepore familiare, e ciò che mi manca di più è il mio pattugliamento attorno ai fornelli, attendendo l’occasione di rubare un boccone.